EDIZIONE 1·2021
IL MAGAZINE GLOBALE PER I COLLABORATORI DI GF

Lorem ipsum dolor sit amet, consetetur sadipscing elitr, sed diam nonumy eirmod tempor invidunt ut labore et dolore magna aliquyam erat, sed diam voluptua.

© GF

Acqua dolce nel deserto

Uno straordinario lavoro di squadra ha trasformato una sconfitta in un successo. Così è iniziato uno dei progetti finora più complessi di GF Piping Systems: un nuovo impianto di desalinizzazione per acqua marina in Egitto

A gennaio 2020, GF Piping Systems ha portato a termine uno dei suoi progetti più ambizioni: un impianto di desalinizzazione a Porto Said (Egitto) che produce ogni giorno 150.000 metri cubi di acqua fresca per gli abitanti della nuova città New East Port Said, a circa 200 chilometri a nord-est del Cairo.

Tuttavia questo progetto di successo è iniziato con una sconfitta: nonostante una precedente collaborazione, nell’estate 2018 l’appaltatore principale Metito Cementech aveva rifiutato la prima offerta di GF per la fornitura di tubature per l’impianto. “Metito cercava un partner con maggiori capacità di fornitura, incluse costruzioni in acciaio e sistemi di tubazioni”, dichiara Paul Keetley, Regional Sales and Project Manager presso GF Piping Systems International. Insieme a Jürgen Miklo, Group Manager for Custom Product Design and Pre-Fabrication, ha riunito il know-how necessario all’interno di GF affinché Metito avesse la soluzione adatta entro i termini stabiliti.

graphic

Un successo all’ultimo minuto

A settembre 2018, Paul Keetley e Jürgen Miklo sono andati da Sciaffusa (Svizzera) al Cairo (Egitto) per presentare a Metito un nuovo concetto con un’offerta più ampia. Il concetto ha convinto per la precisione dei suoi dettagli e il team di GF si è aggiudicato il contratto, nonostante i concorrenti avessero presentato offerte più economiche. “Rispetto ai nostri concorrenti, nella nostra presentazione abbiamo incluso anche elementi dell’analisi del carico. Inoltre abbiamo inserito anche un concept design”, spiega ­Keetley.

PLATZHALTER METITO VIDEO

Dettagli sul progetto di Porto Said

Il team di GF è pronto

I lavori sono iniziati nell’inverno del 2018. GF avrebbe dovuto fornire tutte le parti per la costruzione delle tubature e per la struttura di supporto. “La portata era più grande del solito e ha richiesto molto lavoro di coordinazione con fornitori terzi”, ha spiegato Paul Keetley. Il tubo più grande aveva una circonferenza di 1,2 metri e pesava più di 4 tonnellate per pezzo. Anche la sollecitazione meccanica dovuta a peso, pressione dell’acqua e il peso proprio della costruzione ha rappresentato una sfida. Per questo motivo, ancora prima della dettagliata fase di progettazione, Jürgen Miklo ha chiesto al team GF Engineering Services di eseguire un’analisi della tensione e di progettare una costruzione di supporto su misura per il sistema di tubazioni in materiale plastico. “Nell’arco di soli tre mesi, il nostro team di Sciaffusa ha creato, assemblato e testato un proto­tipo della prima unità di ultrafiltrazione”, ­ricorda Miklo. Dopo una verifica positiva da parte del cliente, GF ha potuto iniziare con l’imballaggio e il trasporto dei sistemi. In totale sono stati inviati a Porto Said 94 container di prodotti GF, suddivisi in 19 spedizioni singole. A gennaio 2020, solo 14 mesi dopo esserci aggiudicati il contratto, il sistema di trattamento delle acque era pronto per essere testato. Ha funzionato perfettamente. “Il progetto di Porto Said ci ha costretto a uscire dai nostri schemi. Abbiamo imparato moltissimo per quanto riguarda la produzione e la spedizione di prodotti su misura prelavorati da diversi stabilimenti e riuniti in tempi brevi in un unico progetto grandissimo. Adesso siamo pronti ad affrontare la prossima sfida!”, spiega Paul ­Keetleys.

graphic © riservato

I lavori per l’impianto di Porto Said (Egitto) sono iniziati nel 2019. Paul Keetley (a sx) e Jürgen Miklo hanno dovuto sviluppare nuove soluzioni con il loro team di esperti per poter rispondere alle elevate esigenze del cliente. (La foto è stata scattata prima della pandemia).

© Alamy, Getty Images, riservato
Il lavoro di squadra è tutto: l’impianto di desalinizzazione di Porto Said non è un’eccezione. Guardate il video della storia di successo di GF Piping Systems in Egitto.

Ultrafiltrazione

L’impianto nella nuova area industriale “East Port Said” nella regione nordorientale dell’Egitto era pronto per la messa in servizio nella primavera del 2020. Non è solo uno degli impianti più grandi nel suo genere del Paese, ma si differenzia anche per un’altra caratteristica, una tecnologia avveniristica: l’ultrafiltrazione per il pretrattamento dell’acqua del mare.La qualità dell’acqua in questa regione ha reso necessario questo processo innovativo.

Rispetto alla filtrazione di liquidi di altri impianti di desalinizzazione simili, i sistemi di ultrafiltrazione in Egitto e nel resto del mondo richiedono un’enorme quantità di tubi, raccordi e valvole. Per questo motivo, portare a termine con successo un simile progetto è di fondamentale importanza. La portata della commessa, la mole di materiali e la complessità del progetto superano di gran lunga gli altri progetti di GF in Egitto e pongono le basi per un’ulteriore espansione dei rapporti commerciali.

© Metito, riservato
Il video vi guiderà in un tour animato attraverso l’impianto di desalinizzazione di Porto Said (Egitto). Nell’edificio per l’ultrafiltrazione (6:08 – 7:41), tutti i tubi e le strutture in acciaio per i binari (skid) sono stati forniti da GF. Nell’impianto di osmosi inversa (7:42 – 8:25) vengono utilizzati tubi di distribuzione (header) e ben 1.680 tratti di tubi, ciascuno con una valvola a sfera di tipo 546 di GF.

Diese Website verwendet Cookies, um sicherzustellen, dass Sie das beste Erlebnis auf unserer Website erhalten.

https://globe.georgfischer.com/it/wp-json/public/posts